E-magazine dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”
RSS Feed

Donne in Musica che uniscono strategie per promuovere il talento

Pubblicato da federica martedì, 4 ottobre 2011 | Rubriche: Home, IN-Agenda

Facoltà di Lettere e Filosofia Leggi tutto

12 ottobre 2011
17:00a20:00

Mercoledì 12 ottobre alle ore 17.00

Auditorium

Donne in Musica che uniscono strategie per promuovere il talento

 

La Fondazione Adkins Chiti: Donne in Musica, promossa dalla prof.ssa Elisabetta Strickland per il “Gender Interuniversity Observatory” (a cui l’Università di Roma Tor Vergata aderisce), ha organizzato, per mercoledì 12 ottobre, l’incontro con la compositrice IRENE KEPLER (Franziska Fleischanderl: hackbrett).

 

La Fondazione Adkins Chiti: Donne in Musica membro del Consiglio Internazionale per la Musica

dell’UNESCO e del Consiglio Europeo per la Musica, con il contributo dell’EACEA porta avanti, per i prossimi tre anni, un progetto audace: quello di far assumere da tutti i governi europei la Risoluzione del Parlamento Europeo 2008/2182(INI) “Per la Pari Opportunità nel mondo della Cultura e dello Spettacolo.” WIMUST prevede la mobilità e gli scambi interculturali tra musicisti e studiosi. La Fondazione ospita per tre mesi musicologhe, compositrici e musiciste provenienti da ogni parte della Comunità Europea (e dall’Italia) affinché possano acquisire un’esperienza internazionale atta a diffondere la missione di questo progetto. Nell’“Incontro” si ascolta in prima esecuzione assoluta “Three Rooms” dell’austriaca Irene Kepler per il’“hackbrett” – che discende dal Q’nun (arabo) ed il Salterio medievale. La Kepler illustra le possibilità sonore e musicali dell’hackbrett, l’artigianato del comporre e la vita artistica tra la musica scritta sul pentagramma e il mondo dell’“impro”. Irene Kepler, compositrice, “impro artist” e violinista nata a Linz ha iniziato gli studi giovanissima proseguendo con il jazz e l’improvvisazione al “Anton Bruckner Università” e la composizione con Christoph Cech. Lavora nei settori del jazz e groove creando colonne sonore per il cinema e festival di musica ed installazione sonore in Europa ed in Asia. Franziska Fleischanderl. Polistrumentista (hackbrett, chitarra, arpa, salterio, pianoforte, voce) è laureata in musicologia dopo gli studi all’“Anton Bruckner Università”, quelli di musica antica in Inghilterra con Andrew Lawrence King e Jacob Lindberg, e l’improvvisazione con Volker Biesenbender in Svizzera.

 

Per maggiori info: www.donneinmusica.org