E-magazine dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”
RSS Feed

Convenzione con il Tribunale di Roma: il tirocinio si fa in aula

Pubblicato da luigi lunedì, 14 settembre 2009 | Rubriche: Home, IN-formazione, L'Ateneo IN & OUT, Le altre notizie

Il Tribunale Civile di Roma apre per la prima volta le sue porte agli studenti di Tor Vergata. Laureandi e laureati in Giurisprudenza avranno la possibilità di frequentare le aule giudiziarie in qualità di tirocinanti. Da quest’anno laureandi, laureati e allievi dei master e dei corsi post laurea della Facoltà di Giurisprudenza potranno contare su un’ulteriore progetto di formazione ed orientamento professionale. Leggi tutto

leggisentenzedi Luigi Vespasiani

Da quest’anno laureandi, laureati e allievi dei master e dei corsi post laurea della Facoltà di Giurisprudenza potranno contare su un ulteriore progetto di formazione ed orientamento professionale. E’ stata infatti stipulata la convenzione tra l’Università di “Tor Vergata” e il Tribunale di Roma, che si è impegnato ad accogliere periodicamente presso le proprie strutture del settore civile, in qualità di tirocinanti, alcuni studenti del nostro Ateneo. La convenzione è stata sottoscritta recentemente dal presidente della struttura giudiziaria capitolina, Paolo De Fiore, e dal Pro-Rettore vicario della università romana, Giuseppe Santoni. La collaborazione è “finalizzata allo sviluppo di adeguate forme di interazione tra l’attività di formazione universitaria e di ricerca ed il mondo del lavoro, con particolare riguardo alle professioni forensi, al fine di migliorare la qualità del processi formativi e dei servizi cui sono finalizzati”.La convenzione stipulata soddisferà sia gli interessi dell’Università, che potrà così arricchire l’esperienza formativa dei propri studenti e agevolarne le scelte professionali, sia gli interessi del Tribunale di Roma, istituzione a cui sta a cuore che gli studenti acquisiscano una diretta conoscenza dei problemi connessi con le professioni forensi e con l’organizzazione negli uffici giudiziari. Il presidente del tribunale De Fiore ha definito la convenzione “un’importante esperienza di collaborazione tra magistratura, università e mondo del lavoro”.”La nostra Facoltà – ha commentato il preside Gian Piero Milano – si caratterizza per il mantenimento di una consolidata tradizione di formazione giuridica e per l’introduzione di significative novità nell’offerta didattica e nelle attività finalizzate all’inserimento dei laureati nel mondo del lavoro. Si pone in questa ottica la stipula della convenzione con il Tribunale Civile di Roma che consentirà agli studenti dell’ultimo anno, ai laureati, specializzandi e dottori di ricerca della Facoltà, di partecipare a differenti  attività di tirocinio semestrale presso il Tribunale di Roma; un’occasione di arricchimento dell’esperienza formativa e della conoscenza diretta dell’attività giudiziaria attuata in forma di diretta collaborazione con i magistrati delle varie Sezioni”. Per il primo anno di sperimentazione il tirocinio sarà limitato ad un numero massimo di dieci tirocinanti, scelti tra i più meritevoli che si siano particolarmente distinti nel corso degli studi ed abbiano scelto profili attinenti alle professioni forensi. In particolare, la preselezione e l’assegnazione dei posti sarà deliberata dall’Università in base al voto di laurea o alla media dei voti di merito riportati negli esami e, a parità di merito, in base al tempo impiegato per il conseguimento della laurea. Il tirocinio avrà una durata di sei mesi, decorrenti dal provvedimento di assegnazione del tirocinante al primo degli uffici di destinazione. Ovviamente, al fine di preparare i tirocinanti al lavoro che verrà svolto negli uffici giudiziari, la Facoltà di Giurisprudenza organizzerà un mini corso propedeutico al tirocinio di non meno di 25 ore. Il tirocinante verrà assegnato ad uno o più magistrati in servizio del settore civile e svolgerà, sotto la guida del giudice affidatario, attività di assistenza e di studio comprendente la ricerca di precedenti dottrinali e giurisprudenziali e la predisposizione di provvedimenti, atti e documenti anche preparatori per l’udienza. Gli studenti parteciperanno attivamente alle attività del Magistrato e saranno presenti alle udienze almeno due volte a settimana. Al termine del tirocinio lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito la capacità tecnico-giuridica per la soluzione di problemi di diritto di difficoltà medio-elevata e le tecniche di studio, impostazione e redazione degli atti giudiziari.